Il 25 novembre è stata la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, in questa occasione abbiamo partecipato alla mostra di Caterina Orzi ‘Amori dalla cenere’.

10576960_332008180308992_3197283929021295785_n

10731215_385405604969249_2169114607358702701_n

slide_381320_4526854_free

Caterina è un’artista da sempre impegnata a sensibilizzare il pubblico sul tema importante della violenza sulle donne, fotografando da una prospettiva speciale, sul proprio corpo, natura e oggetti, a fior di pelle, ci trasmette le sue emozioni e, attraverso petali di fiore e gocce di sangue ci spiega che la felicità  e la libertà  hanno spesso un caro prezzo.

La mostra si terrà  presso la biblioteca della camera dei deputati dal 25 novembre al 18 dicembre.

7454ca3f265c5fddfd6487140f42854f_XL

1317806695516_2-2

Autunnale-2013

slide_381320_4526852_free

slide_381320_4526856_free

Il progetto, nato un anno fa, è stato promosso dalla Fondazione Nilde Iotti e dalla sua presidente onorevole Livia Turco, con l’alto patronato del Presidente della Repubblica, il patrocinio dell’Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna e del Comune di Lampedusa e Linosa. La proposta, tutta al femminile, ha visto un gruppo di donne firmare il progetto: Patrizia Maestri, deputata, Roberta Mori, già  Presidente Commissione Assembleare per la Parità  Regione Emilia- Romagna, Caterina Orzi, artista, Stefania Provinciali, critica d’arte e giornalista, Fabrizia Dalcò Pari opportunità  Provincia di Parma, Sabrina Schianchi, responsabile marketing Gazzetta di Parma. Ha aderito come testimonial Lucia Annibali, l’avvocato sfregiata dall’ex fidanzato diventata simbolo della lotta alla violenza sulle donne, con un video intervista con l’artista presentato in occasione dell’inaugurazione.

caterina orzi e lucia annibali

“La mostra, a cura di Stefania Provinciali, è ricca di arte e di significati sociali, là  dove la fotografia si fa espressione di una dinamica creativa e di bellezza, tanto da far emergere i significati più profondi della vita e del quotidiano. Le immagini, trentasei, sono allusive, propositive; giocano con i contrasti di luce e gli effetti visivi, realizzate con una Canon Eos 1000, dove, unica interferenza creativa, è la luce. Fiori, ortaggi, oggetti vengono appoggiati dall’artista sul corpo, il proprio corpo, e poi riletti attraverso la luce del giorno, del mattino, della sera che dona riflessi, i colori, altera i cromatismi fino a donare all’immagine nuovo significato”.

Il ricavato della vendita del catalogo della mostra verrà  devoluto in beneficienza.

L’arte di Caterina è dolce-amara, delicata e violenta, toccante; non si può perdere l’occasione di entrare in contatto con essa, con il mondo dell’artiste e assaporarne le emozioni profonde che ne trapelano.

12188_323295887846888_8270445586597453837_n

983763_332024656974011_8989108852138643257_n

slide_381320_4526860_free

Dal 4 dicembre le opere verranno esposte presso la galleria ‘Dolce vita’di Roma in via Palermo, 41.

https://www.facebook.com/caterinaorziartista?fref=ts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con asterisco sono obbligatori.