Con il tempo le mode e le abitudini cambiano, anche nell’arredamento, ma la vasca da bagno mantiene sempre il suo fascino e la sua comodità.

Ne esistono di tutti i modelli, per andare incontro ad ogni esigenza, quindi non abbiamo alcuna scusa per rinunciare a questo comfort e, anche chi ha un bagno solo, con il modello vasca/doccia non sarà costretto a scegliere tra l’una e l’altra.

Vasca da bagno idromassaggio

La vasca idromassaggio è per alcuni ancora un vero status symbol e un momento di grande benessere e relax, un’evasione dalla vita frenetica e stressante della maggior parte di noi.

Al contrario di qualche anno fa, ormai, anche il prezzo delle vasche idromassaggio è diventato più che accessibile e, dunque, ognuno di noi potrebbe levarsi questo sfizio, se lo desiderasse.

Vasca da bagno Freestanding

Io personalmente adoro le vasche freestanding, ma per quelle effettivamente ci vuole un po’di spazio in più e non tutti lo hanno; se ne avete la possibilità però, una vera sala da bagno che si rispetti, nel mio immaginario, dovrebbe avere una bellissima vasca centro stanza. Ne esistono per tutti i gusti, di stile retrò su piedini, minimali o scultoree e di design come quella disegnata dalla Urquiola per Axor.

Una vasca da bagno free standing potrebbe trovare un’ottima posizione anche all’interno della camera da letto, potremmo ovviare così alla problematica spazio, se in bagno non ne abbiamo abbastanza e creare una vera suite nella nostra camera padronale.

Vasca da bagno angolare

Per ottimizzare gli spazi ed andare incontro ad ogni esigenza progettuale esistono comodissime vasche angolari, idromassaggio e non; si trovano anche forme più particolari, come le vasche trapezoidali ed esagonali, come quelle proposte da Bette,  che ci permettono anche esse di sfruttare abilmente l’angolo.

Vasca da bagno rotonda

Ci sono poi le vasche di forma rotonda molto affascinanti ma anch’esse un po’ più difficili da inserire in un bagno dalle dimensioni standard, bellissime e da scegliere se avete la possibilità di realizzare una sala da bagno un po’ più ampia e particolare.

Le vasche da bagno possono essere da incasso o già pannellate, quelle ad incasso nascono per essere rivestite; generalmente si usa lo stesso rivestimento utilizzato per il resto del bagno o un formato diverso ma coordinato nel colore e decori, come ad esempio un mosaico. Possiamo anche essere più creativi ed utilizzare invece colori ed effetti differenti dal resto, per caratterizzare l’area della vasca.

Vasca da bagno da incasso o pannellata?

La vasca da incasso va solitamente inserita direttamente nel pavimento, dopo che è stato effettuato un lavoro di muratura. Se il pavimento esiste già e non c’è la previsione di una ristrutturazione, si può prevedere di appoggiarla su di una piattaforma rialzata.

Scegliendo questa opzione la vasca si inserisce e mimetizza alla perfezione nell’ambiente bagno, creando un piacevole effetto di continuità.

Le vasche già pannellate, arrivano già “finite” con il loro rivestimento; questa tipologia è una variazione sul tema del modello da incasso. In questo caso la vasca è dotata già all’acquisto di un pannello di rivestimento. Solitamente le aziende offrono svariate possibilità nella scelta: i pannelli possono essere bianchi e realizzati con il medesimo materiale della vasca oppure possono essere di differente materiale, texture e colorazione. Il vantaggio di questo tipo di vasca è che il pannello è ispezionabile in ogni momento, con notevole risparmio in caso di guasto.

Dettagli

Le vasche vengono realizzate in acrilico o ceramica, possono avere forma ergonomica o linee scultoree, possiamo completarle con numerosi accessori come cuscini, vassoi, portasapone, sedute e altro.

A questo punto sfido chiunque a non dire che questo articolo gli ha fatto venire una gran voglia di un bagno rilassante in una bella vasca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con asterisco sono obbligatori.