Ho spesso parlato della possibilità di realizzare una cabina armadio in camera da letto (sogno praticamente di tutte le donne del mondo!) e dell’opportunità di realizzarne una anche in spazi abbastanza ridotti.

Sono stata contatta da una ragazza che, appunto, desiderava realizzare una cabina armadio nella sua camera da letto, avendo già le idee molto chiare, mi ha spiegato che avrebbe voluto realizzare una parete divisoria in listelli di legno tra la zona letto e la zona vestibolo, in modo da creare una cabina armadio. Grazie alla parete in listelli di legno si ottiene una soluzione molto decorativa e che allo stesso tempo fa filtrare la luce anche all’interno della cabina armadio. Il mio compito è stato quello di realizzare due proposte, organizzando lo spazio nel migliore dei modi, essendo la stanza non molto ampia ma sufficiente per la creazione di una cabina armadio all’interno.

Prima proposta

La prima proposta, come richiesto dalla committente, prevede il letto appoggiato alla parete della cabina armadio, che in questo modo funge anche da testiera, la difficoltà in questo caso è quella di portare la corrente per la lettura sui comodini, integrati alla parete/testata.

Nel caso in cui fosse stato possibile realizzare un impianto elettrico completamente ex novo, sarebbe stato necessario realizzare una traccia a pavimento, non essendoci pareti in muratura o cartongesso vicino al letto e trovandosi questo, a tutti gli effetti, posizionato in mezzo alla stanza; ma il “problema” ulteriore da risolvere era dato dal fatto che i committenti non volevano realizzare un nuovo impianto elettrico, bensì sfruttare quello preesistente.

La soluzione che ho proposto è, dunque, stata quella di far arrivare i fili a vista, dalla presa interna alla cabina armadio lungo la parete e poi sul soffitto, arrivando fino a far scendere due lampade pendenti dal soffitto sui comodini. Una soluzione interessante e molto scenografica, ma anche abbastanza caratterizzante dal punto di vista dello stile dell’arredamento e che può non piacere a tutti…io la trovo strepitosa!

Vari esempi di come anche un filo a vista possa essere decorativo e ci possa permettere di portare la corrente dove ci occorre

Le lampadine a vista possono essere molto decorative in questo casa ne avrei scelta una di una dimensione abbastanza grande, dalle linee vintage, disponibili sia a filamento che a led

Per il filo elettrico a vista possiamo sceglierne un modello a sezione tonda rivestito in tessuto e disponibile in tanti colori, un modello intrecciato dal sapore retrò o il classico cavo in PVC

Anche il portalampada può essere semplice ma sempre dotato di interruttore nel nostro caso, dovendo servire da luce da comodino, oppure più di design come quello che potete scegliere QUI in diverse finiture cromate

Scegli la lampadina il filo e il portalampada e il gioco è fatto

Seconda proposta

La seconda proposta prevede di mettere il letto appoggiato sulla parete di fronte alla porta, lungo la quale erano presenti anche le due prese preesistenti, in modo da semplificare il passaggio dei fili fino a destinazione. In questo caso dalle prese che si trovano già sulla parete interessata i fili vengono portati nella posizione che occorre lungo il muro e mascherati da un coprifilo; in questo modo si possono facilmente avere le classiche abatjour sui comodini.

Vari esempi di canaline coprifili che si possono far passare a parete o pavimento. Ne esistono di diverse finiture anche effetto legno

dotate di tutti i pezzi speciali per seguire gli angoli delle pareti. Lineare e minimale la minicanalina autoadesiva che trovate disponibile QUI in varie dimesnsioni

Due proposte a confronto

In entrambe le soluzioni lo spazio che rimane a disposizione per i comodini è davvero poco; nella prima versione abbiamo visto come la parete di legno funziona anche da testata del letto, che integra le due mensole da appoggio.

In questa seconda proposta ho suggerito la testiera con vano contenitore Brimnes di Ikea che mette a disposizione dei comodi vani contenitori laterali e un piano d’appoggio dietro ai cuscini per le lampade da lettura; perfetta per piccoli spazi.

Nel primo caso l’ho immaginato una soluzione più industrial, dovuta soprattutto alla soluzione per le luci, con le lampade che da soffitto scendono sui comodini, realizzate con filo elettrico nero che disegna la sua strada sul soffitto bianco e termina con lampadina a vista a grande bulbo rotondo. Mentre questa ipotesi gioca maggiormente sui contrasti, la seconda è una proposta dai toni più soft e naturali, ispirata al mondo orientale e al design minimale, per questo, in accordo con il divisorio di doghe in legno, sono state scelte degli abatjour in carta di riso.

Le due piante a confronto

La testiera Brimnes di Ikea comoda e salva spazio

Fili a vista dal sapore industriale

Diversi esempi di lampade da tavolo dallo stile naturale e orientale. In alto lampada in rattan a LED che trovate QUI in due forme (con questa non ci sarebbero nemmeno tutti i problemi di portare la corrente). In basso a sinistra lampada da tavolo con paralume in tessuto giapponese disponibile QUI e in basso a destra lampada in legno e carta di riso in stile giapponese tradizionale. La trovate QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con asterisco sono obbligatori.