Vista la situazione che ci costringe a casa, cerchiamo di occupare in modo produttivo il nostro tempo, potremmo ad esempio riordinare il guardaroba.

Cambio di stagione a parte, credo che l’armadio di ognuno di noi abbia bisogno di una bella riordinata e bonifica da capi d’abbigliamento che risalgono agli anni ’80 per quanto mi riguarda.

Non parliamo poi degli armadi dei nostri bambini con vestiti che vanno dalla taglia 0 ai sei anni, in ordine sparso!

Come riordinare il guardaroba seguendo Marie Kondo

Allora prendendo spunto dalle più accreditate tecniche di riordino e precisamente quelle che si ispirano al metodo di Marie Kondo. Guru del decluttering e autrice del best-seller sul “magico potere del riordino”.

“e’infatti senza ombra di dubbio la donna più organizzata al mondo e promette di migliorare la vostra vita partendo dall’armadio“.

Il segreto,ci dice Marie è fare ordine nei propri spazi scegliendo solo oggetti e indumenti associati a bei ricordi ed eliminando tutto ciò che è superfluo, non ci rispecchia e sopratutto non usiamo abitualmente. Una volta ristretta la selezione ai capi più amati, si passa poi al metodo super efficace per conservare tutto al meglio guadagnando spazio prezioso.

rimbocchiamoci le maniche e mettiamoci al lavoro:

RIORDINARE IL GUARDAROBA

FASE 1

1) Togliere tutti i vestiti dall’armadio. 

Tirate tutti i vestiti fuori dagli armadi e dai fuori cassetti ed eliminate le stampelle. Piegateli e sistemateli in pile ordinate sul pavimento oppure sul letto

2) Decidere cosa si vuole tenere

Ora è arrivato il momento di selezionare le cose da tenere, le cose di cui davvero avremmo bisogno nel nostro guardaroba se non vi fossero già.

Se abbiamo indossato un determinato vestito durante l’ultima settimana, il mese scorso o qualche mese fa, certamente non andrà eliminato. Creiamo una pila con questi vestiti da tenere, quelli che indossiamo regolarmente

3) Decidere quali vestiti mettere da parte

Si possono mettere da parte i capi che hanno per noi un valore affettivo, ma cerchiamo di ridurre al minimo!

Se abbiamo bisogno di più di 15 secondi per capire se vale la pena o meno conservare un capo sarebbe il caso di gettarlo via.

Conserviamo e ricicliamo i capi che potrebbero servire a decorare la casa, per questo vi rimando al post “cambio di stagione, la moda veste il design” che trovate QUI

Quando avete selezionato questa categoria di vestiti metteteli in una scatola da conservare nell’armadio, sotto il letto, in cantina o garage a seconda dell’utilizzo che ne dobbiate poi fare.

Esistono diverse tipologie scatole che possiamo utilizzare per riporre gli abiti che non usiamo più, quelle in tessuto, che trovate anche QUI, consigliabili solo se le dovete riporre in un armadio o comunque al chiuso e tante tipologie in plastica da mettere sotto il letto, in cantina, in soffitta ecc. alte XXL, basse, con le rotelle, con i manici

Ecco un’altra opera artistica questa volta del franceseChristian Boltanski ; si chiama no man’s land

Senza arrivare a tali espressioni artistiche! Possiamo utilizzare anche noi qualche vecchio capo di abbigliamento per un’istallazione o per arredare la casa

Con le scarpe!
Borse e accessori
Guanti. QUI il tutorial

Cravatte, magari non riusciremo a realizzare la sedia pretty tied up della designer maria westerberg ma possiamo fare cose carine e vi rimando al mio articolo “un regalo per la festa del papà (e non solo) recuperando vecchie cravatte”.

4) Decidere quali capi sono da buttare e quali da donare

Se non hai indossato un capo per più di un anno e non ha alcun valore affettivo, è giunto il momento di donarlo.

Se un indumento è estremamente logoro, mangiato dalle tarme e sbiadito, probabilmente nessuno potrà più indossarlo, perciò gettalo via.

Se alcuni vestiti sono troppo stretti, smetti di aspettare il giorno in cui ti entreranno di nuovo e donali a qualcuno.

Dona tutti i vestiti in buone condizioni di cui non hai bisogno, oppure regalali ad un parente o ad un amico


5) Pulire l’armadio

Pulire con cura l’interno degli armadi con aspirapolvere e detergente e se si ha intenzione di modificare l’armadio in qualche modo, aggiungendo mensole, dipingendo o decorando l’interno magari con carta adesiva questo è il momento.

Carta plastificata adesiva facile da pulire, utile per rivestire cassetti e armadi. La trovate QUI

Aggiungiamo mensole e gancetti, ridipingiamo, attacchiamo carta adesiva…insomma rinnoviamo alla grande!

Possiamo scegliere una carta semplice o anche qualcosa di davvero speciale che rinnoverà in modo magico il guardaroba

Rivestiamo il fondo dell’armadio con una carta decorativa e aggiungiamo delle mensole se è necessario e possibile

Carta profumata per cassetti ed armadi disponibile QUI

A questo punto è arrivata l’ora di riposizionare i vestiti nell’armadio

RIORDINARE IL GUARDAROBA

FASE 2

1)Appendere i vestiti nell’armadio e organizzarli

Appendiamo tutti i vestiti che riusciamo, poiché questo è il modo più facile per trovarli, averli tutti sott’occhio e fare spazio.

Organizziamoli ordinatamente secondo un criterio che ce li faccia trovare con più facilità

I ovviamente raggruppiamo i vestiti secondo la stagione

II dividiamoli secondo la tipologia, tutte le camice insieme, così come i pantaloni i vestiti ecc.

III Se fate un lavoro particolare che richiede un certo tipo di abbigliamento dividere gli abiti da lavoro da quelli del tempo libero. In questo modo la mattina guadagneremo tempo nel preparaci e scegliere i vestiti per la giornata.

IV disporre i vestiti in base alla frequenza con la quale li indossiamo. Nel punto più accessibile andranno gli abiti che usiamo più spesso e più in alto o in posizione più scomoda quelli che usciamo meno, come gli abiti da sera ad esempio, a meno che voi non siate una star di Hollywood!

V Se volete davvero eccedere nello zelo, rasentando un pochino la mania, scegliete stampelle di colore diverso a seconda dei diversi tipi di indumenti.

VI Utilizziamo degli accessori come la stampella portacravatte o porta cinture da appendere alla barra

Scaffali da appendere con cassetti QUI e senza cassetti QUI e scatole per contenere vestiti QUI e QUI

Stampelle per tutti i gusti: in alto a sinistra eleganti stampelle in velluto nero e metallo oro rosa QUI al centro classiche grucce porta-abiti in plastica con cuscinetto antiscivolo QUI a sinistra stampelle di legno QUI in basso a sinistra grucce in metallo con antiscivolo QUI in diversi colori e a destra luxury le stampelle in metallo cromato QUI

In grandi scatole o buste sottovuoto, come quelle che trovate QUI eQUI possiamo mettere coperte, piumioni e cambio di stagione

esistono varie tipologie di stampelle salvaspazio come quelle porta cravatta che trovate QUI, quelle per appendere più pezzi in verticale che trovate QUI e quelle che possono contenere più paia di pantaloni disponibili QUI

Per riordinare e disporre meglio gli indumenti su scaffali e cassetti possiamo aiutarci con diversi tipi di divisori come quelli che trovate QUI e QUI

Scegliete l’organizer che fa più al caso vostro, nell’immagine uno a tre scomparti disponibile QUI

Esistono anchesoluzioni fai da te per rendere il guardaroba più pratico, come applicare degli elestici alle stampelle per renderle antiscivolo o usare una linguetta da lattina per agganciare due stampelle nel verso verticale e guadagnare spazio

2) Sistemare i vestiti rimanenti in altri punti del guardaroba

Dopo aver appeso gli indumenti sull’asta sistemiamo i vestiti rimanenti

I possiamo sistemare delle scatole contenitori da posizionare nella parte bassa dell’armadio sotto agli abiti appesi per guadagnare spazio.

II Se l’armadio è abbastanza grande si potrebbe inserire al suo interno una cassettiera per guadagnare spazio, noi lo abbiamo fatto nell’armadio del mio compagno e ci siamo trovati molto ben. Ad ogni modo sistemiamo la biancherai nei cassetti aiutandoci con dei divisori

III pieghiamo maglioni e magliette da riporre sui ripiani

IV stessa cosa per pigiami e tute

Cassettiere impilabili con piano scorrevole disponibili QUI

Se abbiamo spazio inseriamo una cassettiera all’interno dell’armadio

Molta comoda la mensola divisoria regolabile, perfetta per organizzare l’armadio. La trovate QUI

Pratico organizer da armadio in metallo ; un comodo divisorio a due livelli disponibile QUI


4) Rendi l’armadio più bello

In fine aggiungiamo un tocco di stie all’armadio se ne ha bisogno, possiamo dipingere le ante, applicare uno specchio, cambiare maniglie e pomelli, insomma realizzare un restyling! Potete trovare diversi esempi nel mio post “8 modi per rinnovare il tuo armadio“.

FASE 3

Anche le scarpe vanno riorganizzate nella scarpiera

Anche in questo caso scegliamo quali tenere e sistemiamole nel modo più ordinato

I organizziamole secondo il modello

separiamo le scarpe eleganti da quelle sportive, sandali e stivali

II organizziamole in base alla frequenza con la quale le indossiamo

Posizioniamo nel punto più accessibile posizioniamo le scarpe da tutti i giorni.

Organizer per scarpe a sinistra 10 portascarpe,Organizer Scarpe,Salvaspazio Regolabili da Scarpiera, Portascarpe regolabili che trovate QUI e a destra scatola per scarpe a tre scomparti pieghevole disponibile QUI

A questo punto avremo un armadio più che ordinato e saremo certamente soddisfatti del nostro lavoro, che per la prima volta avremo fatto con calma e precisione, di certo questo tempo non sarà andato sprecato ed avremo ottenuto un ottimo risultato da mantenere nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con asterisco sono obbligatori.