tettoia metallica

Le tettoie metalliche rientrano nella più ampia definizione di copertura, adibita a garantire una funzione protettiva verso ciò che è posto sotto di esse. Si tratta di una struttura esterna, autoportante o addossata, composta da un tetto permanente che può essere realizzato nei materiali più disparati come legno, metallo o anche muratura.

Scegliendo una copertura in metallo si avranno notevoli vantaggi tra cui praticità, resistenza e durevolezza. Praticità perché la leggerezza del ferro lo rende facile da spostare e montare. Questa sua caratteristica non implica che si possa danneggiare facilmente, in quanto riesce a sopportare temperature estreme e qualunque tipo di condizione atmosferica, che va dal sole battente al vento.

Proprio in virtù della loro resistenza innata, le tettoie metalliche avranno lunga durata dato che non temono in alcun modo gli agenti atmosferici.

I prezzi più elevati di questo materiale rispetto ad altri sono giustificati proprio da quest’ultima caratteristica, rendendo l’installazione delle tettoie metalliche un investimento a lungo termine.

Il costo finale dipenderà anche dalla complessità della struttura e dall’impatto estetico che si vorrà conferirle.

tettoia metallica

Le funzioni e le tipologie in commercio di tettoie metalliche

Ma quali sono le funzioni che ricoprono le tettoie metalliche? La prima è sicuramente protettiva: l’obiettivo di chi vuole installarne una è assicurare un riparo agli oggetti che verranno collocati sotto di essa, impedendo agli agenti atmosferici di danneggiarli. Le tettoie metalliche dovranno quindi offrire prestazioni ottimali sotto questo punto di vista per svolgere al meglio il loro lavoro. L’altro ruolo che ricoprono riguarda l’estetica: essendo un materiale poliedrico, il ferro permette di realizzare strutture oggettivamente belle da vedere, specie se impreziosite con elementi in vetro.

Passando alle tipologie, possono essere racchiuse in due gruppi: le tettoie metalliche addossate, come dice la parola stessa, appoggiano parte del loro peso a una struttura secondaria, mentre le tettoie metalliche autoportanti non necessitano di elementi d’appoggio, disponendo di tutte le caratteristiche utili per stare in piedi da sole. Se lo scopo è creare un piccolo terrazzo coperto in prossimità della casa, la prima soluzione si rivela la più consona; la seconda si sceglie più nei contesti industriali o commerciali.

Luoghi dove installare le tettoie metalliche

I contesti d’applicazione delle tettoie metalliche sono aumentati nel corso degli ultimi anni, tanto da farle diventare elementi architettonici di un certo rilievo. Questo cambio di rotta è dovuto in particolar modo ai progressi compiuti in fase di realizzazione: si è cercato di renderle il più possibile gradevoli alla vista, oltre che funzionali. Inoltre, grazie alla malleabilità del ferro, è possibile adattarle a qualsiasi esigenza, costruendo forme personalizzate e originali, perfette per ogni ambiente.

Quindi pur continuando a essere adottate per edifici, capannoni industriali, centri commerciali e parcheggi per le auto, le tettoie hanno acquisito importanza anche nelle realtà domestiche, specialmente nelle case con giardino, per creare uno spazio dove trascorrere momenti di relax in compagnia.

tettoia metallica

I requisiti per la sua installazione

Una volta che si è scelta la tipologia di tettoia metallica e dove applicarla, si pone il problema dell’installazione. La domanda più frequente in questa fase è se sia necessario o meno richiedere un permesso per costruirla.

Su due piedi è difficile stabilirlo: bisogna innanzitutto conoscere le dimensioni della struttura. Se la volumetria dell’immobile è ampia e quest’ultimo ha un carattere stabile, è opportuno munirsi di un apposito permesso, soprattutto se non è possibile rimuovere la copertura con facilità; altrimenti se realizziamo la tettoia meramente per motivi estetici e le dimensioni si rivelano modeste si potrà farne a meno. Nel primo caso l’intervento è classificato come una nuova edificazione, quindi dovrà esserci il rilascio di un titolo abilitativo per poter continuare; altrimenti la struttura verrà definita abusiva.

Non è tutto: oltre a richiedere l’autorizzazione si dovrà sottostare alle regole stabilite dalla Soprintendenza, organo competente in materia delle distanze tra edifici limitrofi. Per installare una tettoia bisogna sottostare a precise distanze minime che devono esserci tra una struttura e l’altra: generalmente si parla di tre metri, calcolati dall’ultimo centimetro della tettoia, se sono regolarmente autorizzate, o dai muri delle case su cui le tettoie sono ancorate, se sono abusive.


Si devono valutare anche i vincoli architettonici o paesaggistici: l’ente che si occupa di tutelare tali vincoli può infatti decidere di non concedere il nulla osta, qualora l’installazione della tettoia possa deturpare un centro storico o altri luoghi caratterizzati da un forte pregio artistico.

La costruzione di una tettoia in ambito domestico può incontrare ulteriori rallentamenti se si abita in un condominio: per poterla montare si rende necessario il nulla osta dell’assemblea comunale.

Per chiarire qualsiasi dubbio riguardo quest’ambito basta chiamare l’ufficio tecnico del proprio Comune e spiegare quale tipo di intervento si vuole compiere: sarà lui poi a fornire tutte le istruzioni in merito a come procedere con i lavori, rispettando la norma edilizia in vigore in quel momento.

Il rischio di incorrere in sanzioni rimane comunque minimo, perché le leggi che regolano l’installazione di una tettoia sono facilmente comprensibili e alla portata di tutti.

tettoia metallica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con asterisco sono obbligatori.